Mindful Eating

"La pratica regolare della consapevolezza di quando mangiamo, che cosa mangiamo, che sapore ha ciò che mangiamo, da dove viene, che cosa contiene e come ci fa sentire dopo averlo mangiato, contribuisce molto a far avvenire cambiamenti naturali in questa sfera della nostra vita, tanto importante e tanto carica emotivamente".

da 'Vivere momento per momento' 

di John Kabat Zinn

COSE' LA MINDFUL EATING

La Mindful Eating è una pratica di consapevolezza utilizzata per migliorare l’autoregolazione con il cibo.

Consapevolezza significa prestare attenzione in un modo peculiare di proposito, nel momento presente e senza presunzione, ne giudizio. 

E’ “ l’arte di vivere presenti a se stessi!”.
Praticare la Mindful Eating significa quindi diventare consapevoli del proprio rapporto con il cibo, rendendosi conto dei comportamenti automatici, dei pensieri, sentimenti e abitudini sociali legate al cibo.

Mindful Eating significa ritrovare il gusto di mangiare il cibo che ci piace senza sensi di colpa, liberandoci dai condizionamenti sull’alimentazione e guadagnando libertà dai pregiudizi sul peso.

Nuove evidenze scientifiche mostrano il potenziale di questo approccio  in campo alimentare, sia in ambito clinico che di interventi di salute. 

BASI DELLA PRATICA
Quando ci impegniamo a prestare attenzione senza riserve, senza farci condizionare da preferenze o antipatie, opinioni, e pregiudizi, proiezioni e aspettative, si aprono nuove possibilità e ci viene offerta l’occasione di liberarci dalla gabbia mentale dell’inconsapevolezza; vuol  dire risvegliarsi e vedere le cose come sono. La pratica della consapevolezza è particolarmente utile per realizzare e mantenere cambiamenti nel nostro modo di mangiare. Possiamo anche fare attenzione alla qualità del cibo che mangiamo, a come è stato coltivato o prodotto, da dove viene, che cosa contiene.

Portare la consapevolezza nel cibo ci permette di osservare il rapporto tra il nostro umore, il nostro stato mentale e il nostro corpo.

COSA CAMBIA

Il cibo occupa un posto di primo piano nella nostra vita: dedichiamo tempo ed energia a comprarlo, prepararlo, servirlo, mangiarlo, al lavaggio e al riordino che seguono ogni pasto. 

Tutte queste attività offrono molte occasioni di consapevolezza.

Sono tutti ambiti in cui non ci è facile osservarci sistematicamente e senza giudizio, se non partiamo da un forte impegno a liberarci delle abitudini malsane e a sviluppare un modo di vita più coerente e integrato.


Questo tipo di attenzione produce maggiore lucidità, chiarezza e accettazione della realtà in atto. La pratica della mindfulness richiede solo che tu faccia attenzione, osservando le cose così come sono. 

La tua mente è così abituata a pensare di sapere quali sono i tuoi bisogni e i risultati a cui dovresti arrivare, che è facile cadere nella trappola di cercare di controllare il processo e dirigerlo a modo tuo. Ma questo atteggiamento è esattamente l'opposto di quello che facilita il lavoro della consapevolezza e presenza mentale. Non occorre che tu cambi nulla.

COMPONENTI DELLA PRATICA

  • La pratica della mindfulness richiede un atteggiamento di ricettività.

  • La pratica della mindfulness richiede accettazione.

  • La pratica della mindfulness richiede la sensibilità nei confronti delle connessioni e della totalità.

  • Nella pratica della mindfulness, metti deliberatamente da parte la tendenza della mente ad attaccarsi a certi aspetti della tua esperienza e a respingerne altri.

  • Lasci invece che l’esperienza sia quello che è e la osservi istante per istante.

Prova la meditazione in inglese

Prova la meditazione in italiano

articolo stampa
prof. Berrino
Mpx
cibo23
relatori
cibo3
corso ECM Trento
incontro libreria Librati
Workshop Muoviti
pratica
pratica
workshop Muoviti
workshop Muoviti
pratica
workshop Muoviti
workshop Muoviti
Incontro Mindful Eating
incontro Librati Padova
Workshop La Biolca
pratica workshop
articolo BIOLCALENDA
pratica workshop
incontro alimentazione consapevole
corso ECM Firenze Mindful Eating

Guarda la gallery

Quando prepari il cibo, prova a farlo consapevolmente.

Prova la meditazione di pelare le carote o tagliare le verdure. Riesci a essere completamente presente nell'atto di pelare

o tagliare?

Prova a fare attenzione al respiro e a tutto il tuo corpo, mentre prepari vari 

ingredienti o cucini.

Che effetto ha fare le cose

in questo modo?

Cucinare offre una meravigliosa opportunità di sviluppare consapevolezza e di essere presenti, attenti.

È l’occasione per allenare la mente a capire che cosa significa essere nel qui

e ora, con pazienza e con atteggiamento non giudicante.

È anche l'occasione per osservare i pensieri e le emozioni presenti nel corso della preparazione dei  nostri piatti.

Lo “spazio sacro” della cucina offre questa meravigliosa opportunità nel corso della preparazione del cibo, generando una nuova attitudine di amore e attenzione dal momento in cui lo scegliamo, fino al momento in cui lo portiamo nelle nostre tavole.

Come praticare la mindfulness in cucina

Copyright © 2016 - Dott.ssa Silvia Ferrara - Psicologa, Psicoterapeuta
P.IVA 02717610287

Tutti i diritti riservati

  • Black LinkedIn Icon
  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon